mercoledì, Maggio 29

Torna SlowUp: la celebrazione della mobilità lenta

L’atteso evento SlowUp Ticino sta per tornare domenica 23 aprile, mettendo in luce l’importanza della mobilità lenta e sostenibile nella regione. Con l’aspettativa di circa 40.000 partecipanti, questa giornata promette di essere un’esperienza indimenticabile per chiunque si unisca alla celebrazione della bicicletta, dello jogging e dello skating lungo un percorso panoramico di 50 km tra i due poli del Sopraceneri, Bellinzona e Locarno.

Una delle caratteristiche distintive di SlowUp Ticino è la partenza simultanea da Piazza Grande a Locarno e Piazza Governo a Bellinzona, fissata per le ore 10. Questo approccio conferma la formula vincente delle edizioni precedenti, offrendo un’esperienza coinvolgente e inclusiva per tutti i partecipanti. Il percorso, chiuso al traffico motorizzato, attraversa anche i comuni di Cadenazzo, S. Antonino, Cugnasco-Gerra, Gordola, Tenero-Contra, Minusio e Muralto, garantendo una panoramica completa della bellezza paesaggistica della regione.

Con 15 punti di animazione lungo il percorso, di cui 11 offrono servizi di ristorazione (compresi 2 soste agricole), SlowUp Ticino promette intrattenimento e gastronomia per tutti i gusti. Gli stand sono gestiti principalmente da associazioni ricreative locali, il cui ricavato dalla ristorazione sosterrà le loro attività. I partecipanti sono liberi di esplorare il percorso a loro piacimento, con la possibilità di entrare e uscire in qualsiasi punto lungo il tragitto.

Per coloro che arrivano da lontano, gli organizzatori consigliano di utilizzare i mezzi pubblici, offrendo un vantaggioso sconto del 20% sul biglietto Ticino Event di Arcobaleno. Questo non solo riduce l’impatto ambientale dell’evento, ma contribuisce anche a alleviare la congestione stradale nelle aree circostanti.

L’organizzazione di SlowUp Ticino coinvolge oltre 500 collaboratori impegnati in vari settori, con un’enfasi particolare sulla sicurezza. Il comandante della Protezione Civile Locarno e Vallemaggia, responsabile di 250 militi durante l’evento, lancia un appello importante: “Il problema non sono coloro che partecipano a SlowUp, ma coloro che scelgono di muoversi come al solito in auto. Invito queste persone – se non possono utilizzare altri mezzi di trasporto – ad essere pazienti e a seguire le indicazioni, evitando comportamenti scorretti che purtroppo si verificano troppo spesso”.

SlowUp Ticino non è solo un evento sportivo, ma anche un’occasione per promuovere uno stile di vita sano, la consapevolezza ambientale e la coesione comunitaria. Unisciti alla celebrazione della mobilità lenta e scopri le bellezze del Sopraceneri il prossimo 23 aprile. Per ulteriori informazioni, visita il sito www.slowup.ch